Rifiuti bollettino di informazione normativa - direttore: Paola Ficco

Quesiti

1232.

Negli impianti di digestione anaerobica per la produzione di biogas ad utilizzo energetico si produce, al termine della fase di digestione, un digestato che viene poi separato nelle due frazioni solida e liquida. La frazione solida viene essiccata.
L’impianto di digestione anaerobica è alimentato con biomasse conformi a quelle previste dall’art. 22, comma 1, Dm 25 febbraio 2016 (“Decreto Effluenti”).
Volendo inviare la frazione solida essiccata del digestato ad un’attività di compostaggio per la produzione di un ammendante compostato misto a norma del Dlgs n. 75 del 29 aprile 2010, si chiede di sapere se il digestato ottenuto, avviato a un impianto di compostaggio di una azienda terza autorizzata, può essere qualificato come sottoprodotto dell’attività di digestione oppure deve essere necessariamente qualificato come rifiuto non essendo direttamente destinato ad utilizzazione agronomica?

risponde Paola Ficco