Rifiuti bollettino di informazione normativa - direttore: Paola Ficco
La qualificata e affidabile informazione normativa sulla gestione dei rifiuti

Rifiuti 2015 - Quesiti e risposte

Raccolta sistematica e ragionata dei Quesiti risolti dalla Rivista Rifiuti – Bollettino di informazione normativa

a cura di Paola Ficco
Vai alla scheda del libro
uscita: novembre 2015
numero pagine: 408
ISBN: 9788866271840
formato: 15 x 21 cm
28,00 euro

Quesiti più letti negli ultimi 30 giorni

1331Peso: l’eterno dilemma che solo una pesa può risolvere
658Responsabilità del produttore, il certificato di avvenuto smaltimento può essere richiesto per contratto
1334Classificazione: i punti fermi
1260Pile al litio: rifiuti non pericolosi soggetti ad ADR. Non è strano e non l’unico caso
949Formulario, le possibili condotte in caso di smarrimento
1330Deposito temporaneo: le regole valgono anche per le aziende di servizi
1340Rifiuto, dipende tutto dal “disfarsi”
621Sovvalli, sono rifiuti prodotti dal soggetto che fa la cernita
918Formulario: se il produttore non riceve la quarta copia deve comunicarlo alla Provincia. Non sono ammesse condotte alternative
1343Caratteristiche di pericolo: quante verificarne

Cerca per argomento

Quesiti sui rifiuti

Cosa sono

Ogni numero della rivista contiene la rubrica "Quesiti" con tutti gli interrogativi in materia di rifiuti sottoposti al Direttore della rivista, l'avvocato Paola Ficco.

Chi può sottoporre quesiti

Solo gli abbonati a "Rifiuti" e "Rifiuti on line" possono sottoporre i propri casi.
Il Direttore responsabile della Rivista seleziona e pubblica i quesiti di interesse più generale.

Le richieste vanno inoltrate a quesiti@rivistarifiuti.it

Quesito del mese


Per rifiuti con codice EER che indica una precisa caratteristica di pericolo (es.100315* schiumature infiammabili o che rilasciano a contatto con l’acqua, gas infiammabili in quantità pericolose) risulta corretta, al fine della caratterizzazione analitica, la verifica della sola caratteristica HP3?

Risponde Claudio Rispoli

È del tutto ovvio che, data la inequivocabile definizione fornita dall’Elenco Europeo dei Rifiuti, la verifica di HP3 sia irrinunciabile, a meno di disporre di informazioni sul processo di origine che ne attestano l’insussistenza (infatti per HP3 il Regolamento 1357/2014 stabilisce “ove opportuno e proporzionato”).

Le stesse informazioni potrebbero essere sufficienti per dimostrare l’assenza di altre sostanze o proprietà pericolose? Se la risposta a questa domanda è sì allora potrebbe essere sufficiente limitarsi, appunto, alla valutazione di HP3, ma è una condizione difficilmente riscontrabile nella pratica.

È opportuno evidenziare come in questo caso, il campionamento rappresentativo del rifiuto sia di particolare importanza; l’esperienza consiglia, inoltre, l’esecuzione di qualche prova in campo su diverse aliquote in modo da verificare la reattività del rifiuto prima del test specifico.

Tratto da: Rifiuti n. 269 febbraio 2019

Rifiuti bollettino di informazione normativa - Registrazione Tribunale di Milano n. 451 del 22 agosto 1994 - ISSN 2499-0949