Rifiuti bollettino di informazione normativa - direttore: Paola Ficco
La qualificata e affidabile informazione normativa sulla gestione dei rifiuti

Rifiuti 2015 - Quesiti e risposte

Raccolta sistematica e ragionata dei Quesiti risolti dalla Rivista Rifiuti – Bollettino di informazione normativa

a cura di Paola Ficco
Vai alla scheda del libro
uscita: novembre 2015
numero pagine: 408
ISBN: 9788866271840
formato: 15 x 21 cm
28,00 euro

Quesiti più letti negli ultimi 30 giorni

1260Pile al litio: rifiuti non pericolosi soggetti ad ADR. Non è strano e non l’unico caso
1340Rifiuto, dipende tutto dal “disfarsi”
658Responsabilità del produttore, il certificato di avvenuto smaltimento può essere richiesto per contratto
1316Classificazione: guaine bituminose e idrocarburi. Il punto e la soluzione
949Formulario, le possibili condotte in caso di smarrimento
1345Produttore: quello giuridico è sempre responsabile in caso di omessa gestione dei rifiuti da parte del loro produttore materiale
918Formulario: se il produttore non riceve la quarta copia deve comunicarlo alla Provincia. Non sono ammesse condotte alternative
1331Peso: l’eterno dilemma che solo una pesa può risolvere
1346Formulario: sempre necessario per il centro di raccolta
621Sovvalli, sono rifiuti prodotti dal soggetto che fa la cernita

Cerca per argomento

Quesiti sui rifiuti

Cosa sono

Ogni numero della rivista contiene la rubrica "Quesiti" con tutti gli interrogativi in materia di rifiuti sottoposti al Direttore della rivista, l'avvocato Paola Ficco.

Chi può sottoporre quesiti

Solo gli abbonati a "Rifiuti" e "Rifiuti on line" possono sottoporre i propri casi.
Il Direttore responsabile della Rivista seleziona e pubblica i quesiti di interesse più generale.

Le richieste vanno inoltrate a quesiti@rivistarifiuti.it

Quesito del mese

In una piattaforma di trattamento autorizzata in Aia, dopo l’operazione di trattamento D9 (sia di liquidi che di solidi) è possibile conferire i rifiuti trattati o frazioni di esso in impianti di recupero autorizzati con l’operazione R1?

Risponde Paola Ficco

Il trattamento di cui al punto D9 dell’allegato B, parte IV, Dlgs 152/2006:
• integra gli estremi di un’operazione di smaltimento (articolo 183, comma 1, lettera z)
• è di tipo chimico-fisico
• non è specificato altrove in tale allegato B)
• dà “origine a composti o miscugli eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 D12 (per esempio evaporazione, essiccazione, calcinazione, ecc.)”.


Quindi, i rifiuti che entrano nell’operazione di smaltimento D9 devono necessariamente essere destinati, dopo tale trattamento, ad altre operazioni di smaltimento (da D1 a D12) poiché tale trattamento è solo una operazione intermedia posta in essere per preparare il rifiuto allo smaltimento definitivo. La previsione contenuta all’interno della declaratoria del punto D9, infatti, è di carattere finalistico; cioè i rifiuti sono sottoposti a quel trattamento affinché sia possibile destinarli alle operazioni da D1 a D12. Diversamente quel trattamento, semplicemente, non esiste.



Tratto da: Rifiuti n. 270 marzo 2019

Rifiuti bollettino di informazione normativa - Registrazione Tribunale di Milano n. 451 del 22 agosto 1994 - ISSN 2499-0949