Rifiuti bollettino di informazione normativa - direttore: Paola Ficco
La qualificata e affidabile informazione normativa sulla gestione dei rifiuti

Rifiuti 2015 - Quesiti e risposte

Raccolta sistematica e ragionata dei Quesiti risolti dalla Rivista Rifiuti – Bollettino di informazione normativa

a cura di Paola Ficco
Vai alla scheda del libro
uscita: novembre 2015
numero pagine: 408
ISBN: 9788866271840
formato: 15 x 21 cm
28,00 euro

Quesiti più letti negli ultimi 30 giorni

582Sostanze chimiche, nel transitorio, le schede di sicurezza salvano la vecchia classificazione
1208Aia: sì al nuovo gestore previa voltura dell’autorizzazione
658Responsabilità del produttore, il certificato di avvenuto smaltimento può essere richiesto per contratto
1260Pile al litio: rifiuti non pericolosi soggetti ad ADR. Non è strano e non l’unico caso
621Sovvalli, sono rifiuti prodotti dal soggetto che fa la cernita
949Formulario, le possibili condotte in caso di smarrimento
1323Classificazione: filtri olio e gasolio
764Rifiuti liquidi, per accedere al depuratore solo le acque reflue devono rispettare i valori in ingresso. Per il resto quello che conta è il limite in uscita
1370Contenitori per rifiuti: non diventano rifiuti per il solo fatto che li contengono o che sono sporchi
1378Distruzione documenti di carta: l’impianto mobile effettua “triturazione” e va autorizzato in R12

Cerca per argomento

Quesiti sui rifiuti

Cosa sono

Ogni numero della rivista contiene la rubrica "Quesiti" con tutti gli interrogativi in materia di rifiuti sottoposti al Direttore della rivista, l'avvocato Paola Ficco.

Chi può sottoporre quesiti

Solo gli abbonati a "Rifiuti" e "Rifiuti on line" possono sottoporre i propri casi.
Il Direttore responsabile della Rivista seleziona e pubblica i quesiti di interesse più generale.

Le richieste vanno inoltrate a quesiti@rivistarifiuti.it

Quesito del mese

Import-export: il calcolo delle fideiussioni è chiarito dalla Ue


Si chiede di sapere come determinare l’importo delle garanzie finanziarie per la spedizione di rifiuti con codice Eer 191212 e destinati a recupero in Tunisia. Il Dm 370/1998, all’allegato 3, per il calcolo di S o R non fa nessun riferimento alla lista verde, questo significa che è pari a zero o bisogna scegliere tra ambra e rossa? In questo caso, a quale lista bisogna fare riferimento?

Risponde Daniele Salvatori
Dal tenore del quesito e, quindi, dando per acquisito il fatto che la spedizione in questione debba avvenire con l’autorizzazione preventiva scritta (e quindi con la notifica ai sensi dell’articolo 4 del regolamento (CE) n. 1013/2006) e la presentazione di una fidejussione a garanzia (come stabilito dall’articolo 6 del regolamento medesimo) è necessario comprendere la genesi del Dm 370/1998 per valutarne l’applicazione al caso specifico.
Il Dm 370/1998 è stato emanato in vigenza ed applicazione del regolamento (Cee) n. 259/1993, il quale prevedeva la lista ambra (soggetta al tacito consenso) e la lista rossa (soggetta alla procedura autorizzatoria scritta).
L’entrata in vigore del regolamento (Ce) n. 1013/2006, che ha abrogato il regolamento (Cee) n. 259/93, ha introdotto con il proprio allegato IV una lista unica, vale a dire l’Elenco dei rifiuti soggetti alla procedura di notifica e autorizzazione preventiva scritta.
Dal contenuto dell’articolo 6 del regolamento (CE) n. 1013/2006 che prevede “…1. Per tutte le spedizioni di rifiuti soggette all’obbligo di notifica è costituita una garanzia finanziaria o un’assicurazione equivalente…”, in combinato disposto con l’articolo 4 paragrafo 5 “…La garanzia finanziaria o l’assicurazione equivalente (o, qualora l’autorità competente lo consenta, una prova di detta garanzia o assicurazione o una dichiarazione che ne certifichi l’esistenza) è fornita come elemento del documento di notifica all’atto della notifica o, qualora l’autorità competente lo consenta in virtù della normativa nazionale, entro un certo termine prima dell’inizio della spedizione…”, si può affermare, con ragionevole certezza, che le garanzie finanziarie non sono collegate alla tipologia del rifiuto da spedire, quanto piuttosto alla procedura di controllo da applicare alla spedizione di quel rifiuto.
Nel caso specifico proposto dal quesito, vale a dire una procedura di notifica ai sensi dell’articolo 4 del regolamento (Ce) n. 1013/2006, si può affermare che il calcolo delle garanzie finanziarie per la spedizione di rifiuti destinati a recupero prevederà ai sensi del Dm 406/1998 un coefficiente K2 pari a Lire 2.000.000.
Tale conclusione è riportata anche nel documento intitolato Method of Calculation in the Member States of the Financial Guarantee and Equivalent Insurance pursuant to Art. 6 of Regulation (EC) No 1013/2006 on shipments of waste, datato settembre 2016, e pubblicato sul sito della Commissione europea, nel quale, in riferimento all’Italia, si legge:
“… In accordance with the National Decree 370/1998 the financial guarantee is calculated as follows:
G = T (Transport) + S (Disposal / Recovery + Storage)
Where,
G = Financial Guarantee (€)
T = Transport Costs = Km × Tonnes × 300 (300 is a constant value €/Km/Tonne)
S = Disposal/Recovery/Storage = Tonnes × K2 Where K2 is a parameter in €/Tonne, with values as follows:

Treatment

Type of waste

Value for K2

Recovery

Any type

2.000.000 Lire/Tonne → about 1.000 €/Tonne

Disposal

Non-hazardous waste

2.000.000 Lire/Tonne → about 1.000 €/Tonne

Hazardous wastes containing halogenated organics at levels below 5.000 ppm

4.000.000 Lire/Tonne → about 2.000 €/Tonne

Hazardous wastes containing halogenated organics at levels higher than 5.000 ppm

8.000.000 Lire/Tonne → about 4.000 €/Tonne

 

Tratto da: Rifiuti n. 276 ottobre 2019

Rifiuti bollettino di informazione normativa - Registrazione Tribunale di Milano n. 451 del 22 agosto 1994 - ISSN 2499-0949