Rifiuti bollettino di informazione normativa - direttore: Paola Ficco

Valutazioni e proposte

La strategia europea sulla prevenzione ed il riciclo dei rifiuti emanata nel 2005 e ripresa dalla direttiva quadro 2008/98 CE, è l’abito su misura che ha vestito il Conoe, nato nel 1998, per svolgere l’alta funzione di tutela ambientale e salvaguardia della salute dei cittadini, come definito dal codice ambientale (Dlgs 152/2006), nel settore degli oli vegetali e grassi.
Pur con enormi difficoltà e non poche incomprensibili ostilità il Conoe ha avviato dal 2001 al 2016 oltre 615 mila tonnellate di oli esausti dovendosi finora limitare al recupero di oli provenienti da attività professionali.
Nei prossimi anni tali quantità potranno moltiplicarsi grazie ai progetti di raccolta degli oli esausti domestici.
L’85% di questo rifiuto è stato trasformato in bio carburante e biodiesel e per la parte residua componente per prodotti della detergenza, i pochissimi scarti hanno prodotto energia e calore.
Questo materiale quindi, realizza perfettamente il concetto di economia circolare ed ha importanti “effetti collaterali” nell’attuazione di cop 21 sui cambiamenti climatici, per la crescita dell’occupazione, per la bilancia dei pagamenti.
La valorizzazione del materiale: olio e grasso esausto è determinata in un processo di EoW che il Conoe ha elaborato in questi anni, accompagnando la filiera dalla produzione alla riproduzione.
I criteri elaborati sono simili ad altri materiali poiché definiscono i requisiti per la raccolta, lo stoccaggio e la rigenerazione del rifiuto. Nelle procedure definite dal consorzio sono inoltre stabiliti i contenuti per la gestione dei processi di qualità.
Il monitoraggio ed il controllo atti a verificare il rispetto della conformità devono garantire l’assenza di elementi che possano creare rischi diretti per l’ambiente e la salute umana.
Il materiale nelle diverse fasi di lavorazione deve risultare comunque conforme ai dettati delle norme nazionali (decreto ministeriale 5 febbraio 1998) ed alle norme tecniche.
Il Conoe è lo strumento attraverso il quale lo Stato e la collettività possono raggiungere gli obiettivi previsti, evitando le illegalità e le truffe a danno dell’ambiente, dei cittadini e al corretto svolgimento del mercato.